Un Natale in… edizione limitata

Sabrina Franchini rilegge in versione “festiva” i suoi modelli storici creando la prima Xmascapsule.

Goethe nelle sue Affinità elettive sosteneva che: “Non siamo mai tanto lontani dai nostri desideri, come quando c’immaginiamo di possedere la cosa desiderata”. Ci avviciniamo al periodo dell’anno in cui anche i più grandi cedono alla tentazione di desiderare intensamente qualcosa. E questo gli stilisti lo hanno captato già da un po’.

Perciò, per soddisfare i desideri dei propri clienti, hanno aggiunto alle ordinarie collezioni anche le Christmas Collection o Capsule di Natale. L’ideale poi sarebbe riuscire a coniugare il desiderio quotidiano con un momento così speciale come quello che ci apprestiamo a vivere, quindi cosa c’è di meglio di una “rilettura” in chiave festiva di accessori che già, normalmente, ci accompagnano nella vita di ogni giorno?

Sabrina Franchini a tal proposito ha presentato alcuni dei suoi modelli di punta in versione glam. «Sono voluta restare fedele alla mia filosofia di lusso accessibile – racconta Sabrina – utilizzando sempre i pellami più morbidi e preziosi, lavorati con conce speciali nel rispetto dell’ambiente e della nostra salute. Ho aggiunto un vezzo, quel tocco “sparkling” che in questo periodo dell’anno ci contagia un po’ tutti». Nella Xmascapsule #limitededition 2512014 ritroviamo i must have della collezione core della Franchini come la Little, la Darling, gli adorabili Pucci Pucci e i portachiavi a nappina, a fianco ad alcune novità come le Spritz con catena in metallo trattato in modo da risultare anallergico. «Il glitter che illumina le mie creazioni ha il grande pregio di non trasferirsi sugli abiti – spiega la designer – proprio grazie al trattamento speciale a cui la pelle viene sottoposta durante il processo di tintura».

Tutti i modelli hanno una fodera in raso, molto piacevole al tatto, che trasforma il semplice gesto di “infilare la mano” all’interno della borsa per cercare qualcosa, in un’esperienza sensoriale che per un attimo ti porta fuori dal quotidiano. Anche la palette di colori si è adeguata al clima festivo e la tinta champagne sostituisce i caldi toni vinaccia o castani su modelli come la Spritz o la Little. «Natale è anche periodo di viaggi – continua Sabrina – di evasioni esotiche che ho voluto riportare qui come in un safari urbano utilizzando stampe animalier su pony, classiche come lo zebrato e il leopardato o in versione pop utilizzando il blu elettrico come fondo della macchia.

Quello però a cui tengo di più è che la mia cliente, che non si separa mai dalla sua borsa sia per motivi di praticità che affettivi, ora abbia l’opportunità di indossarla anche nelle occasioni speciali con la stesso legame intimo che ogni donna ha con la propria borsa». Come direbbe Perec nel suo romanzo “Les Choses”: “Il morbido cuoio, un porto di quiete, un mondo di felicità”.

di Maria Vittoria Melchioni

Fonte: Gazzetta di Modena